I 6 benefici dell’integrazione tra email marketing e CRM

CRM, MarketingLascia un commento

Tempo di lettura: 3 minuti

L’organizzazione è essenziale per le imprese. Senza di essa, regnerebbe il caos.
Le risorse umane sono organizzate in reparti, divisioni o gruppi con ruoli e obiettivi specifici. Questo ordine consente a ciascun componente della tua azienda di avere un’area di competenza, un obiettivo che consente un workflow efficiente e logico.
Al fine di raggiungere gli obiettivi più grandi, tuttavia, le aziende devono colmare lacune organizzative per condividere informazioni e competenze, non solo tra persone, gruppi e dipartimenti, ma soprattutto tra dati e sistemi.

Le piattaforme di e-mail marketing e di CRM sono molto simili ai team di sales e marketing.

Ciascuno ha un ruolo definito in un gruppo all’interno dell’azienda.
Ciascuno può entrare in contatto con lo stesso gruppo di persone in modi e in tempi diversi, ma ognuno è più efficace quando collabora e lavora su obiettivi condivisi.
Come i team di sales e marketing, il CRM e i sistemi di e-mail marketing offrono maggiori benefici quando le loro aree di competenza sono integrate in un progetto comune.

Qui di seguito elenchiamo le sei ragioni per cui si dovrebbe prendere in considerazione una soluzione integrata:

    1. Calcolo preciso del ROI

L’integrazione tra e-mail e CRM consente di determinare il vero ROI di ogni singola campagna.
Come si può calcolare il ROI, ad esempio, di una fiera?
Oltre a importare contatti dalla fiera, è possibile inserire tutti i costi relativi (stand, materiale di marketing, costi partecipazione alla fiera, ecc.).
Questo permette di essere in grado di monitorare non solo le conversioni dei lead in vendite, ma anche il ritorno sull’investimento totale (ROI).

    2. L’area vendite ha una visione globale

I commerciali possono avere una visione in tempo reale sul comportamento dei propri clienti.
Possono così vedere quali prospect hanno aperto e letto le e-mail, ma non solo: attraverso la lettura dei click trough sono informati prima di procedere con la chiamata diretta. In questo modo ogni agente di vendita può personalizzare le chiamate a seconda dei precisi interessi del cliente.

    3. L’unione fa la forza

Un unico database, con dati e informazioni condivise, è molto più facile da gestire rispetto a due sistemi diversi e separati.
Piccole e medie imprese (PMI) possono unificare i due sistemi che memorizzano informazioni preziose e le automatizzano, risparmiando così tempo e migliorando l’efficienza.

    4. Data integrity

Ogni volta che i commerciali interagiscono con i loro contatti e clienti raccolgono informazioni importanti.
Spesso scoprono informazioni aggiuntive, ad esempio interessi su altri prodotti, budget disponibili, punti deboli e dati demografici che possono essere cambiati.
Con un sistema integrato si ha la possibilità di aggiornare i record in tempo reale, garantendo che le informazioni siano sempre attuali, pronte per la prossima campagna.

    5. Messaggi mirati

E’ possibile creare i contenuti in base ai dati presenti nel CRM, ad esempio in base a titolo, professione, dati demografici o ultimi acquisti fatti dal cliente; questo per dare loro servizi mirati e rilevanti.
Ciò si tradurrà in email più personalizzate, quindi con un tasso di lettura più elevato e con disiscrizioni meno frequenti.

    6. Le campagne trigger-based

E’ possibile creare campagne basate su elementi e indicazioni provenienti dai dati raccolti nel sistema CRM.
Ad esempio è possibile eseguire una campagna basandosi sulle date di scadenza dei contratti.

Ora che i benefici di una soluzione integrata sono chiari, come si fa a iniziare?

Ecco i passi da seguire:

  • Selezionare la piattaforma giusta. Acquistare una soluzione che non funzioni solo come un semplice database.
    La piattaforma dovrebbe consentire di memorizzare e segmentare i dati secondo logiche di business, saperli utilizzare nel migliore dei modi può fare la differenza. Integrando la piattaforma di email marketing con una piattaforma CRM si aumentano l’efficienza aziendale, il ROI e il parco clienti.
  • Raccolta dei dati. Uno degli errori più comuni delle PMI è che non raccolgono né organizzano le informazioni.
    La raccolta dei dati non è un processo che si fa una sola volta; si tratta di un’azione continua e costante. Per fare questo si può impostare una forma di opt-in sul sito web, scrivere tramite mail a chi si registra. Impegnarsi affinché diventi un processo attivo, coerente.
  • I dati devono essere costantemente aggiornati e controllati. Come dire, pessime informazioni, pessimi risultati.
  • Segmentare il proprio database. Da come è segmentato il database dipenderà il business.
    Si può scegliere di segmentarlo per regione, settore, titolo o altro.
    La chiave è quella di farlo in un modo che abbia senso per il proprio business e soprattutto che consenta di indirizzare al gruppo giusto il messaggio giusto.
  • Estendere l’utilizzo delle email trigger-based. Per ottenere il massimo da una soluzione integrata email – CRM, è consigliato l’uso delle email trigger-based, attuabili ad esempio in base alle date di rinnovo dei contratti o successivamente all’iscrizione di una newsletter.
  • Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *